Scegliere lo zaino da viaggio: guida definitiva

by Sandra

Come scegliere lo zaino da viaggio giusto alle nostre esigenze?

Oggi proverò ad aiutarvi a rispondere a questa domanda, visto che le vacanze sono alle porte e tanti si troveranno, magari per la prima volta, ad abbandonare la valigia preferendo lo zaino.

Nella vita del viaggiatore questo passaggio viene quasi naturale, se volete potete leggere la mia esperienza per farvi un’idea di come si arriva a questo momento di abbandono della “trolley come la mia casa“.

Scegliere lo zaino giusto prevede qualche pellegrinaggio in negozi specializzati, vedrete dei prezzi davvero stratosferici, così come prodotti dai prezzi economici, purtroppo però non sono identificativi di un buono zaino o meno, bisogna infatti andare oltre.

Io ho pensato di farvi procedere per step, così come ho fatto io.

scegliere lo zaino

Step 1: provare e riprovare

So che andare in negozio non è il massimo, ma in questo caso è necessario, infatti solo in negozio avrete la possibilità di provare gli zaini.

Dovete indossarli, cercare di capire se aderiscono bene al vostro corpo, sarebbe opportuni poterlo fare con lo zaino pieno, ma accontentiamoci.

Mi raccomando, non scegliete in base al colore o alla forma estetica, inoltre seguite le indicazioni di genere, infatti quelli femminili, sono più adatti alle nostre forme, hanno una sagomatura più precisa per le nostre schiene più corte, il bacino più piatto e gli spallacci più stretti (solo per citarne alcuni).

Quindi “usate” il negozio fisico per fare un po’ di prove pratiche e toccare con mano, poi se volete acquistare online sarà più semplice.

Step 2: aperture e cerniere

Questa è la parte più importante per scegliere lo zaino da viaggio giusto, infatti la distinzione tra zaino travel e zaino da trekking passa da questo capitolo.

Vi spiego meglio: lo zaino da trekking puro prevede un apertura superiore a sacco, tipica degli zaini classici, mentre lo zaino da viaggio (o adatto al viaggio) prevede anche un’apertura frontale, come quella delle valigie e dei borsoni.

Questo tipo di apertura fa la differenza, infatti, con l’apertura frontale sarà molto più facile organizzare il contenuto dello zaino in partenza e quando sarete in viaggio non dovrete tutte le volte svuotare il contenuto, perchè potrete prelevare ciò che serve con facilità.

Step 3: capienza che si misura in litri

La dimensione dello zaino è importante, ma non fondamentale, almeno non prioritaria, anche se per molti di voi potrebbe essere il nocciolo della questione.

Quando si sceglie uno zaino bisogna sempre ricordarsi che lo si poterà in spalla, che sarà il nostro corpo a sorreggerlo per cui occhio!

Per mia personale esperienza vi lascio questa infografica veloce.

Step 4: valutarne il costo in base alle proprie finanze

Eccoci al momento critico della scelta: il costo!

Ci sono zaini davvero molto costosi parliamo anche di 500/600 euro, il perchè di questo costo è sicuramente dato dal materiale usato, la robustezza degli spallacci e altri accorgimenti tecnici, ma per viaggiare forse è un po’ troppo.

Noi infatti stiamo parlando di zaini da usare al posto della valigia, che riescano a sopportare un monsone e un po’ di panni sporchi, quindi possiamo rivolgere la nostra attenzione a qualcosa di meno impegnativo economicamente.

Scegliere lo zaino da viaggio del costo giusto è molto soggettivo, quindi risparmiare si, ma con giudizio, non comperate qualcosa di poco adatto per poi spendere altri soldi per acquistare un nuovo zaino dopo pochi mesi/viaggi.

La mia esperienza personale in fatto di zaini

Chi mi conosce sa che vado pazza per gli zaini, mi hanno sempre affascinato fin da piccola, ne ho di tutti i tipi e forme (sono le mie borsette), così quando mi viene data la possibilità di provarne qualcuno non mi tiro indietro.

Comunque per viaggiare ho scelto il Deuter Quantum 60+10 lt, con un comodissimo zainetto posizionato sulla parte frontale dello zaino, ok il colore non è il massimo, ma la resa si.

Inoltre è completo di un sacco per il trasporto in aereo che all’occorrenza diventa copertura per la pioggia.

La struttura di questo zaino è ottima, così come la leggerezza e la maneggevolezza nell’utilizzo, c’è davvero molto spazio, anche se mancano tasche esterne di facile raggiungimento, ma possiamo superare la cosa visto lo zainetto super comodo.

Della stessa marca ho anche una versione più piccola da trekking (35+10 lt)  adatta per un weekend lungo/settimana, ma non ha l’apertura frontale quindi diventa un po’ complicato da usare come valigia, ma comodissimo se bisogna portarselo dietro tutto il giorno.

Questi due zaini non costano poco, ma sono entrambi davvero validi, quindi mi sento di consigliarvi l’investimento.

Zaino deuter

Ora voglio spendere due parole per gli zaini Decathlon visto che ho avuto la possibilità di provarne uno in questi giorni grazie a Non Solo Turisti .

La nota catena di attrezzatura sportiva infatti ha presentato, durate i TrekDay, i nuovi zaini della linea Forclaz dedicati al trekking ma, a mio avviso, adatti anche al viaggio perchè dotati di tutte le caratteristiche che abbiamo visto in questo post e soprattutto con un prezzo molto accessibile.

Io ho potuto provare il Forclaz trek700 in versione woman, quindi con uno schienale più corto (ma comunque regolabile) e tutti i dettagli ad hoc per la corporatura femminile, ma soprattutto ha l’apertura frontale con anche alcune cinghie di contenimento!!

Questa ultima caratteristica lo fa salire decisamente di livello! Bravi!!

Spero di provarlo quanto prima in viaggio, per capirne il reale potenziale, ma già così mi da grandi soddisfazioni.

Forclaz trek 700

E ora tocca a voi…

Adesso vi ho fornito i miei suggerimenti ed indicazioni per scegliere lo zaino giusto, ma sta a voi trovare quello più adatto, se invece già ne avete uno e volete condividere la vostra esperienza, fatevi sotto!!

Vi ricordo che potete trovarmi su Facebook e Instragram se volete seguire le mie avventure e disavventure.

 

Potrebbe interessarti anche

11 commento

Silvia - The Food Traveler 02/06/2018 - 14:06

Anche io come te mi sposto solo con lo zaino, quindi sottoscrivo tutti i tuoi consigli dal primo all’ultimo. Fondamentale averne di misure di diverse, anche se poi io alla fine uso sempre quello “da weekend” tanto riesco a farci stare anche roba per più giorni. Utilissimo anche il “copri-zaino” che io ho ricevuto in omaggio facendo un acquisto online di alcuni articoli sportivi.
Di Decathlon io ho lo zainetto Arpenaz da 10 litri che trovo comodissimo per le escursioni di un giorno in montagna.
Buon weekend ?

Reply
Sandra 02/06/2018 - 14:10

Ciao Silvia!! Grazie per il supporto, sono contenta di avere una testimonianza che il post dice cose sensate ?
Io per più di 10 giorni vado con quello grande, ma non pieno, così ho posto per gli acquisti!

Reply
Elisa 02/06/2018 - 20:12

Grazie Sandra, consigli preziosi per chi, a breve, dovrà scegliere lo zaino con cui partire per un mese o più!

Reply
Sandra 03/06/2018 - 11:27

Mi piacerebbe avere delle testimonianze postume all’acquisto

Reply
Katja 07/06/2018 - 18:11

Sinceramente non ho mai considerato lo zaino come compagno di viaggi, forse perché l’ho sempre associato a viaggi d’avventura. Io che ho spesso visitato città, dò la precedenza ai trolly che adoro!

Reply
Sandra 07/06/2018 - 18:13

Il trolley è un buon compromesso e sicuramente ogni viaggio ha il suo bagaglio. Io anche quando visito città preferisco lo zaino perché mi lascia le mani libere per le foto e la cartina!

Reply
Marta Frigerio 08/06/2018 - 11:28

Ho scoperto da relativamente poco la gioia di viaggiare solo con lo zaino!
Sono anche io una fan delle tasche frontali, soprattutto dopo averne testato l’estrema praticità. Sul litraggio di solito cerco di andare al ribasso, nel senso che conoscendomi è meglio avere meno spazio a disposizione per non caricarmi troppo le spalle (più spazio = più tentazione di infilare nello zaino tutti i ‘e se poi mi serve?’ del caso).
Quando ho scelto il mio zaino avevo guardato anche io i Deuter, ma alla fine ho optato per il violissimo Ferrino Transalp da donna da 55 litri (inaugurato per un viaggio di due settimane per cui 55 litri mi sono sembrati anche troppi!). Lo amo alla follia. L’unica sua nota negativa è che è troppo alto per rientrare nelle misure da bagaglio a mano di praticamente tutte le compagnie low-cost europee.
Per le escursioni di una giornata ho un 24 litri della North Face, ma ho scoperto recentemente di riuscire a farmelo bastare anche per un viaggio breve (tre giorni).

Complimenti per l’articolo, molto utile e ricco di consigli pratici! Leggerlo prima di scegliere lo zaino mi avrebbe aiutata moltissimo! 😀

Reply
Sandra 08/06/2018 - 17:40

Ciao Marta benvenuta tra queste pagine! Bhe la tua analisi tagliata sui tuoi bisogni è perfetta, quindi se hai trovato quello giusto per te ti sei mossa nel modo giusto!
La mia vuole essere una guida per chi non sa da dove cominciare e spero leggano anche il tuo commento.
Spero di leggerti ancora sul mio blog! ??

Reply
maria 29/06/2018 - 10:57

Mi serviva proprio questo articolo molto dettagliato con le giuste considerazioni. È arrivato al momento giusto perché ho inenzione di comprarmi uno zaino. Grazie

Reply
Sandra 29/06/2018 - 10:57

Ne sono felicissima! Se hai dubbi o domande non esitare! Sono qui a disposizione

Reply
Zucchero Farina in viaggio 30/06/2018 - 18:17

Ho da poco comprato uno zaino da 40 litri. Lo proverò a breve per un vacanzina al mare di una settimana al posto del trolley.. mi piacerebbe riuscire ad infilare tutto per me è i due bimbi. ? spero non sia una mission impossible!

Reply

Hai voglia di dire la tua? Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: