Trasferirsi in Irlanda: f.a.q.

by Sandra

Vuoi trasferirti in Irlanda e non sai come fare? Ecco i miei consigli (semi seri) per affrontare questo passo con tutta la serenità che serve senza farti odiare dal prossimo.

Consigli utili per trasferirsi in irlanda

Trasferirsi in Irlanda: cosa non fare

Prima di tutto non iscriverti ai gruppo di facebook che si intitolano: Italiani a Dublino, Italiani in Irlanda, Italiani espatriati in Irlanda e via dicendo. Creano ansia e riceveresti solo risposte ironiche e consigli di ripensarci, insomma non troveresti ne rassicurazioni ne consigli concreti, quindi lascia perdere, salvo che tu non sia un masochista e ami farti prendere per i fondelli.

Se proprio non resisti evita di diventare la cozze di qualche povera anima pia che ha deciso di prenderti sotto la sua ala, ricordati sempre la regola aurea: prima chiedilo a Google.

Sei metereopatico? L’Irlanda non fa per te, non ci provare neanche e se non sei per il “vestirvi a cipolla” qui ti troverai malissimo, meglio rinunciare che trasferirvi e cominciare a lamentarsi. Sono cose che non si riescono a digerire, è veramente inutile. Il sole della Sicilia qui non c’è, quindi non cercarlo. Se vieni, come me, dalla pianura padana allora vedrai che qui starai benissimo!

Altra cosa da non fare è pensare al cibo italiano: qui si trova tutto, o quasi, ma non è casa e non si può avere un etto di Ferrarini tagliato sottile sottile e, la farina della polenta, la trovate solo dai cinesi. Ah, dimenticavo, la pizza costa 17 euro! Questo per completezza di informazione!

Inoltre, altra informazione fondamentale per prendere una decisione ragionata: la carbonara è fatta col pollo e i funghi, non ti scandalizzare, non avere attacchi di panico, a loro piace cosi! Se proprio non se ne può fare a meno, meglio mettersi ai fornelli.

Trasferirsi in Irlanda: cosa fare

La prima cosa da fare non è prendere il biglietto dell’aereo, ma essere consapevoli che non è l’Italia. Scontato? Forse. Banale? No!

Ora prendi appunti, perchè non te lo ripeterò più, ti do la lista di cosa ho fatto io appena arrivata, sperando di chiarire le idee a tutti.

To-do list

  • procurarsi un posto dove stare per il primo mese (ostello, b&b, famiglia…)
  • partire con un piccolo tesoretto in attesa di trovare lavoro, non servono molti euro, ma qualcuno si
  • recuperare una sim irlandese (non è un vezzo ma una condizione necessaria per essere considerati)
  • scrivi un cv semplice e senza fronzoli, trovate un sacco di form online, il nostro non va bene!
  • sistemate il profilo di linkedin (banalmente dite che siete in Irlanda e attivate la modalità “in cerca di occupazione”)
  • iscriviti a portali come job.ie o irishjob.ie, settando per bene cosa stai cercando (io ho banalmente messo lavori dove serviva l’italiano), anche indeed va bene, ma secondo me troppo inflazionato (mi raccomando quello con estensione .ie)
  • manda cv come se non ci fosse un domani, non ti scoraggiare! Qui rispondono anche per un no, non ti sentirai abbandonato al tuo triste destino (il primo colloquio sarà quasi sempre al telefono, così potete prepararvi per bene)
  • io ho trovato utile fare anche un giro tra le agenzie, portando personalmente il mio cv, ma tante ti rimbalzeranno al sito (se cerchi lavoro nei pub, ristoranti o negozi vai di persona è la cosa migliore)

Una volta che avrai un lavoro ci sono ancora un paio di cosine da fare per essere davvero a posto, ma qui viene il difficile e le informazioni “tramandate da expat ad expat” si fanno nebulose, ma non disperare e seguimi.

Trasferirsi in Irlanda: ho trovato il lavoro e ora?

Bisogna mettersi in regola con il fisco, non siamo in Italia e non si può fregare nessuno!

Il PPS Number: ovvero il codice fiscale

Questa tesserina verde con la tua facciona sopra è la prima cosa che ti serve per pagare, in modo corretto le tasse sullo stipendio, quindi il 20% circa (se hai uno stipendio medio, poi la tassazione aumenta), se non ne sei provvisto rischi di lasciare mezzo stipendio allo stato irlandese (che ti restituirà tutto e subito appena ti metterai in regola).

Come fare ad averlo

Ti servono questi documenti e solo questi (la tessera sanitaria italiana, la pagella delle elementari e quello che piu ti passa per la mente NON SERVE): passaporto (o documento di identità), la proof of address (cioè un documento che attesti che hai un posto dove vivere, basta o la lettera del vostro proprietario di casa, dell’ostello etc o una bolletta a tuo nome), e copia del contratto di lavoro (senza lavoro il pps number non ti serve, mettitelo in testa!). Si deve prendere appuntamento online e ci si presenta con tutti i documenti.

Un simpatico addetto al pps number ti farà qualche domanda (in inglese of course) e poi ti chiederà di fare una foto e una firma.

Se decidi di convertire la patente italiana in irlandese stai facendo una cazzata! Giusto per essere chiari, non serve per avere il PPS number.

Una volta che ti avranno ritenuto idoneo ad avere il PPS number, questo ti arriverà a casa e potrai darlo al tuo datore di lavoro per sistemare la posizione fiscale.

Ma non è finita qui!

PPS Nuber

Il conto corrente irlansese: no, la postepay non funziona!

Fattene una ragione, i nostri conti correnti non vanno bene, per avere un lavoro intendo! Quindi anche qui abbi fede e segui il mio consiglio, non te ne pentirai.

Non provare ad andare in banca, non ti daranno retta, ti chiederanno tantissimi documenti e poi dovrai prendere un appuntamento, meglio fare online (nessuno ti ruberà l’identità)

Fidati non siamo in Italia, nessuno vuole fregarti.

Come fare ad averlo

Io ho aperto il conto online con AIB e mi è servito:

  • un cellulare (e sempre il numero di telefono irlandese)
  • il passaporto
  • l’app di AIB: attenzione! non si può fare da pc, ma solo da cellulare

Ti verrà fatta una chiamata per provare la tua identità e dopo 5 giorni riceverai a casa (proof of address) un pin con il quale sbloccherai ‘app e dopo altri 5 giorni arriverà il bancomat.

Trasferirsi in Irlanda: la burocrazie non esiste

Come puoi vedere è tutto molto semplice e lineare, basta fare le cose per bene e in pochi giorni sarai a posto. Io ho saputo di avere un lavoro il mercoledì in tarda mattinata, il giovedì della settimana dopo avevo sia il PPS number che il conto corrente.

Sono rimasta in emergency tax per una settimana soltanto (stipendio tassato al 50%) e ho ricevuto il mio rimborso la settimana dopo, direttamente in busta paga.

Non ci sono cose troppo complicate da fare, ma solo fare come ti viene detto e come trovi su tutti i siti istituzionali irlandesi.

Ora avete tutte le info necessarie, non andare ad intasare gruppi su facebook o stalkerare poveri expat a caso, stampati questa pagina e fanne la tua bibbia.

Hai bisogno di altre informazioni? Mandami una email e sarò felice di aiutarti, oppure seguimi sui miei canali dove trovi altri consigli utili e aggiornati:  Instagram, Facebook e Pinterest.

Mentre se vuoi sapere perché ho scelto Dublino, qui trovi la risposta.

Potrebbe interessarti anche

11 commento

Katja 14/10/2019 - 21:07

Sandra, m’hai fatto venire voglia di mollare tutto e ritornare a Dublino!

Comunque hai ragione: i gruppi di fb “Italiani a …” sono i peggiori. Se fosse per loro, si fa prima a buttarsi sotto un treno ed è meno doloroso.

Reply
Sandra 14/10/2019 - 21:10

Sei come fare!! 🤩

Sono pessimi e difficilmente si trova un reale confronto costruttivo

Reply
Finally Mallorca 18/10/2019 - 13:14

Diciamo che qualunque “aggregazione di italiani” in qualunque paese straniero è una tragedia. Leggendo cosa scrivono mi domando perché non tornano in Italia se è l’Italia che voglio trovare all’estero. Gente strana gli expat :-).

Interessante la storia del codice fiscale PPS, ma non si può richiedere prima di trovare lavoro? Sia in Svezia che qui in Spagna dove sono ora si richiede e ottiene prima di un eventuale lavoro.

Reply
Sandra 18/10/2019 - 13:32

Qui senza un contratto di lavoro non viene rilasciato, tant’è che serve solo per intrattenere rapporti con il fisco locale. Io avevo tutta la documentazione, ma mi mancava il contratto di lavoro e quindi non hanno proceduto al rilascio.

Reply
Matteo 20/02/2020 - 06:17

Ciao cara Sandra, articolo veloce, diretto, semplicemente utile! Complimenti! Certo, leggendo i gruppi a volte serve pazienza e resilienza, ma la vita fuori comfort zone non è confortable 🙂.
A Marzo vengo su per sondare che “clima” c’è in Irlanda, se a pelle fa per me (ho vissuto in Norvegia e me ne sono andato perché incompatibile con le persone fredde e distaccate. Chi vive la o ha vissuto può capire, quindi questa volta cerco un posto dove le persone siano socievolmente umane 🙂 skill importante). Desidererei porti una domanda, molti parlano di una impresa titanica ottenere una abitazione stabile. Io tra l’altro ho un cane, husky, che chiaramente viene con me se mi trasferisco da voi in Irlanda. Hai qualche tips?
Ti ringrazio in anticipo e continuerò a leggerti.
Ciao Matteo

Reply
Sandra 20/02/2020 - 20:54

Ciao Matteo! Grazie intanto di essere approdato in questo mio blog.
Qui troverai sicuramente un clima cordiale e di benvenuto da parte degli irlandesi, mentre come puoi vedere coi connazionali ci sono un po’ di frizioni, ma io ho scovato delle persone meravigliose!
Io ho deciso di vivere fuori Dublino e di comperarmi una macchina usata, così da non avere vincoli per la scelta del lavoro e appunto della casa.
Io volevo stare da sola quindi avevo meno scelta, ma ho trovato ad un prezzo ragionevole visti i prezzi qui e tra auto e treno arrivo in ufficio con 40 minuti di viaggio.
Per il cane non so aiutarti, ma va messo in conto che non sarà sicuramente semplice, ma non impossibile 😉 a marzo che programmi hai?!

Reply
Matteo 22/02/2020 - 01:59

Grazie a te per le informazioni utili invece 🙂
Credo che in qualsiasi paese si vada si trovi dei problemi iniziali per l’adattamento, sopratutto dove c’è affluenza. Il mio programma è questo: a Marzo salgo per vedere se l’Irlanda mi da quel hit positivo che senti dentro e non sai spiegare, ma che ha grande valore perchè appunto poi è quello che ti fa superare gli ostacoli sapendo che c’è quel di più!
Supponendo accada (intendo la scintilla), credo che visiterò Dublino, Cork, dopodichè incomincerò a muovermi (direi velocemente) per cercare prima lavoro e casa di seguito….Per me e il mio cane.
Per la macchina, che ci penso, credo che verrei su con la mia (so che comunque si ha 1 anno di tempo) cosi porto le mie cose, poi ovviamente se ingrana bene, ne acquisto una li.
Ma di scooter che ne pensi? Troppa pioggia?

Sandra 27/02/2020 - 21:45

Mi sembra un ottimo programma! Io la mia macchina l’ho lasciata in Italia perché puoi tenerla poco qui, poi la devi immatricolare e chiedono tanti soldi, inoltre è pericoloso guidare con la macchina “sbagliata”. Lo scooter è un’idea, ma direi che è un rischio, tieni conto che le auto usate costano poco e non ci sono tasse per il passaggio di proprietà!
Comunque tienimi aggiornata!

Jessica 21/10/2019 - 12:31

Ehi, non mi tentare! Quest’estate mi sono letteralmente innamorata dell’Irlanda… 😀
Scherzi a parte, questo post è utilissimo, brava! Scommetto che un sacco di gente ne farà tesoro.
Buona giornata!

Reply
Sandra 21/10/2019 - 21:47

Ci si innamora facilmente di questo bellissimo Paese, non stento a crederci.
Sarei già felice che qualcuno lo leggesse!! 🙂

Grazie per essere passata!

Reply
Elena 22/10/2019 - 14:32

Brava Sandra! Che articolo utile! Specialmente specifincando bene tutti i ‘contro’ per un italiano medio, da valutare bene. Ribadisco che per me sei stata coraggiosissima, e ti ammiro davvero tanto per la tua scelta!

Reply

Hai voglia di dire la tua? Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: